Il video a 4K non ci basta più. Ambarella mostra l’8k per i droni

0

Ottomila pixel di risoluzione, abbastanza perché l’occhio umano non riesca più a distinguerli. La nuova frontiera è stata ufficialmente annunciata al CES da Ambarella, il produttore di chip per camere che fornisce tra gli altri DJ; Yuneec e GoPro.

Video a 4K? Roba vecchia, assicurano in Ambarella. La nuova frontiera è l’8K. Il produttore di Santa Clara ha scelto il CES di Los Angeles per mostrare tre nuovi chip per le camere del prossimo futuro. Adatte al mercato dei droni, certamente, ma anche alle automobili, dove – nei piani di Ambarella – potrebbero sostituire lo specchietto retrovisore, facendo convergere su uno schermo a disposizione del guidatore le riprese di diverse camere montate sull’auto.

Il chip più interessante per l’uso con i droni si chiama H3 SoC, e può gestire un flusso video a 8 k a 30 frame al secondo oppure ralenty molto fluidi a 4k e 120 frame al secondo. Certo, per goderseli serviranno i televisori di prossima generazione, a 8K appunto, e anche il montaggio di simili flussi di dati richiedono computer potenti  grandi memorie, ma la sfida è lanciata. Ora la parola ai videomaker e registi, saranno loro a decretare il successo – o meno – dell’altissima risoluzione che verrà.

 

1420 visite


Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: