Incidenti dei piccoli droni, ENAC risponde a ANSV: “Avete ragione, miglioreremo il regolamento”

0

Colpo di scena nella vicenda che ha visto contrapposte l’ENAC e l’Agenzia Nazionale per la Sicurezza del Volo, sulla questione di chi deve indagare nel caso di incidenti gravi che coinvolgano piccoli droni sotto i 25 chili (praticamente tutti): Interpellata da DronEzine, l’ENAC pur sostenendo la legittimità dell’emendamento  ammette che l’articolo 29, riformato con l’Emendamento di Capodanno, va migliorato.

Ecco il testo che ENAC ci ha fatto pervenire, in risposta all’intervento di Bruno Franchi,  a capo dell’ANSV:

“L’ENAC condivide la puntuale analisi dell’ANSV sull’applicazione del Regolamento 996/2010 e sui poteri dell’Agenzia di svolgere le correlate inchieste in caso di incidente o inconveniente grave. L’ENAC sottolinea che, ovviamente, il Regolamento ENAC sui mezzi a pilotaggio remoto non può determinare una contraddizione con i Regolamenti UE. Nel merito della questione ciò che si propone il Regolamento ENAC con l’art. 29 è solo di esplicitare a favore di una migliore comprensione da parte degli utilizzatori di SAPR le prerogative dell’Ente in tema di accertamenti e di indagine che esso può mettere in atto in occasione di alcuni eventi. Poteri e prerogative che sono in capo all’Ente e discendono dalla legge istitutiva e più ancora sono definiti nel Codice della Navigazione. Ferma restando la legittimità dello stesso, in ragione delle difficoltà che potrebbe creare una lettura che vada oltre quanto appena specificato, l’ENAC procederà ad un miglioramento del testo che non generi letture non coerenti con l’intento dell’Ente.”
2876 visite

Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: