EASA proroga i tempi per i commenti alla bozza europea sui droni

0

L’Agenzia europea per la sicurezza aerea, conosciuta dagli addetti al settore come EASA ha prorogato di un mese il periodo nel quale sottoporre i commenti alla bozza del futuro regolamento europeo relativo ai droni e ai SAPR (Sistemi Aeromobili a Pilotaggio Remoto).

L’autorithy aeronautica europea della quale fanno ovviamente parte 28 stati europei più altri 4, da tempo si sta occupando del volo aereo dei velivoli a pilotaggio remoto, sia che essi avvengano per scopo ludico e ricreativo, quelli conosciuti come aeromodelli, sia quelli professionali e utilizzati per lavoro.
Sono state emesse nel corso degli ultimi anni diverse bozze o drafts, come chiamate in gergo aeronautico, nelle quali si tenta di inquadrare e regolamentare in maniera unica e internazionale, se non altro in Europa, il fenomeno tecnologico dei droni.

Questi oggetti volanti pilotati remotamente, possono essere acquistati praticamente ovunque, dalle catene di supermercati, nella Grandi Distribuzioni Organizzate, in internet su molteplici siti e in negozi specializzati. Il loro uso è sempre più diffuso, e a volte anche per mancanza di adeguata informativa e comunicazione, si parla di cattivo uso.
La stessa Agenzia Europa, al pari di quella nazionale ENAC; ha diffuso alcune FAQ o per meglio dire una serie di domande e risposte per cercare di colmare questa lacuna informativa.

Al contempo, EASA propone nella bozza di regolamento europeo alcune regole ben precise che dovranno essere adottate dagli stati membri facenti parte della agenzia, pur mantenendo una sovranità per quello che riguarda la gestione degli spazi aerei.
L’ultimo draft chiamato NPA 2017-05 (Notices of Proposed Amendment) contiene tutte le proposte relative al regolamento europeo descritte a questo link. Tale bozza può essere commentata, secondo tradizione, non solo dagli attori interessati, quindi le autorithy nazionali, ma anche da coloro che abbiano un particolare interesse sulla materia o dai semplici cittadini.

bozza-easa-sui-droni

Il periodo per accettare e in seguito valutare i commenti, era stato definito nella giornata del 12 agosto, ma è stato recentemente prorogato sino al 15 settembre 2017, data l’importanza dell’argomento, si legge in una nota.

Dopo tale data, i responsabili, si metteranno al lavoro per emettere un regolamento finale che dovrebbe diventare definitivo nel 2018, ma si parla già di almeno altri 3 anni prima che gli stati membri possano adottarlo e adeguarsi.

La bozza può essere scaricata e letta da qui e commentata da qui, sempre sul sito EASA.

748 visite

Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: