Uno volo nel futuro, assieme a un drone ibrido multirotore-ala fissa

0

La notizia arriva dall’Inghilterra, dove gli ingegneri della BAE Systems e gli studenti della Cranfield University hanno svelato il concept di un drone che potremmo vedere in futuro, che utilizza una tecnologia ibrida che gli consente di alternare il volo ad ala fissa con quello di un multirotore. Il nome che gli ideatori hanno scelto per la loro avveniristica concezione di drone, banalmente, è stato “Adaptable UAVs“, che quantomeno rende molto bene l’idea.

In realtà la possibilità di alternare l’uso della tecnologia ad ala fissa con quello di eliche con propulsione verticale esiste già e abbiamo visto come questa venga utilizzata su un numero sempre maggiore di droni cargo, nei quali la funzionalità VTOL (Vertical Take Off and Landing, ossia decollo e atterraggio in verticale) consente una maggiore precisione sul punto di sgancio del carico e soprattutto evita la necessità di lanciare a mano (o con un altro dispositivo) il drone per fargli prendere il volo. La novità, nel caso di Adaptable UAVs, è che parliamo di un drone militare, un velivolo per cui massimizzare l’efficienza delle manovre è prima di tutto una questione di vita o di morte.

Nel video di presentazione, realizzato tutto in computer grafica perché appunto parliamo solo di un concept e al momento non esiste nemmeno un prototipo, si vede come, negli scenari bellici che alla BAE Systems immaginano nel prossimo futuro, i droni entreranno in azione direttamente in volo, in formazione di sciame, trasportati da un aereo militare e sganciati con un paracadute nella zona “calda”. Dopo aver neutralizzato gli obiettivi con una sorta di raggio laser, raggiungeranno carri armati, navi e sottomarini presenti nelle vicinanze per impilarsi ordinatamente su delle speciali aste di raccolta. Per fare questo, una delle due eliche sarà in grado di compiere una rotazione di 180 gradi, creando con l’altra un movimento rotatorio che consentirà al drone di avvitarsi su se stesso e atterrare.

Solo un video, che sembra più un videogioco? Potrebbe essere, ma non dimentichiamo che in molti casi alla fantascienza sono bastati alcuni anni per trasformarsi in realtà. Inoltre, qui non parliamo del copione di un film di Lucas, ma di un’azienda, la BAE Systems, che ha già sviluppato alcune delle tecnologie più innovative del mondo, e che vanta un portfolio di brevetti e applicazioni che copre circa 2000 invenzioni a livello internazionale.

858 visite

Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: