Eurolink presenta a Dronitaly la versione civile del sistema Cobra

0

L’Esercito Italiano, dopo una positiva valutazione, sta sperimentando un sistema di controllo aereo dei convogli e delle auto colonne basato sull’utilizzo di un drone filoguidato.

Si tratta del Cobra sviluppato dalla Ermes Technologies in cooperazione con Eurolink Systems – piace molto anche agli operatori civili, i quali vedono negli RPAS “Tethered” una categoria di mezzi che potrebbe essere svincolata dalle maglie del regolamento Enac, almeno dalle più stringenti. Le operazioni, condotte dagli operatori del Centro di Eccellenza C-IED del Comando Genio dell’EI, sono cominciate nell’aprile scorso ed attualmente ancora in corso.
L’intento è quello di rilevare in anticipo i congegni esplosivi improvvisi (detti IED – Improvised Explosive Device), con i quali i terroristi tendono gli agguati ai militari impiegati in operazioni internazionali. Il Cobra è un micro UAV VTOL con sistema di decollo e atterraggio autonomo, alimentato direttamente dal veicolo su cui è montato (nella fattispecie il Cougar), collegato con un cavo lungo 25 metri che sorvola e segue il veicolo stesso sino ad una velocità di 40 km/h. A bordo monta una videocamera HD-IR che invia le immagini alla stazione di controllo, basata su un computer portatile con sistema operativo comune e civile di tipo Windows. L’uso del cavo, oltre a offrire un’autonomia di volo illimitata, offre un’ulteriore vantaggio: elimina i pericoli di interferenza elettronica e quindi rende il sistema immune da eventuali disturbi di radiofrequenze.

cobra000-300x251Presentato ufficialmente a Singapore lo scorso settembre nel contesto del 7° Geospatial Defence & Intelligence APAC ha catturando l’attenzione e l’interesse dei Governi partecipanti che ne hanno apprezzato unicità e la versatilità d’utilizzo. Per questi motivi, una sua variante civile sarebbe ben accolta in campo professionale civile, poiché offre la garanzia di non poter perderne il controllo a causa di una manovra eccessiva o per interferenze, nonché la possibilità di poter restare in volo per tutto il tempo necessario senza la necessità di effettuare continui cambi batterie.

Proprio a seguito della richiesta pervenute dal campo non militare, le due Società – Ermes Technologies ed Eurolink Systems, hanno sviluppato una versione del sistema Cobra dedicata al settore civile ed ai media, con caratteristiche dedicate e meno spinte, pur mantenendo le peculiarità di affidabilità, sicurezza ed endurance di volo illimitata. Questa nuova configurazione del sistema Cobra sarà presentata in occasione di Dronitaly.
Quella dei droni “filoguidati” non è una categoria nuova, seppur non fossero ancora prodotti in Italia come invece il Cobra: israeliani e inglesi ne hanno fatto dotazione standard per le loro forze speciali.

 

Fonte DronItaly

 

1468 visite

Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: