Nasce Dronecode, una fondazione linux based per i droni open source

0

Linux Foundation, conosciuta nel ambiente software per essere una grande organizzazione il cui scopo è promuovere e sostenere il software libero Linux; ingloba e incorpora tutti gli sviluppatori delle schede APM, Pixhawk con i relativi software prodotti da 3DR Robotics.

13 ottobre 2014 – una data da segnare nel calendario, perché il big del software libero e a codice aperto la Linux Foundation che si occupa di mantenere il sistema operativo del pinguino, grazie ad un accordo stipulato con Chris Anderson il papà della community internazionale DIY Drones, erediterà e convoglierà tutto il background degli sviluppatori proveniente dai due mondi aperti, incubandoli in un grosso contenitore open source.

dronecode-open-source-drone-platfrom

Dronecode questo il nome del nuovo progetto che si prefigge il compito di proseguire nello sviluppo delle piattaforme  ArduCopter, ora APM, ovvero i droni volanti e  terresti prodotti da 3DR Robotics. I numeri degli sviluppatori fanno veramente paura tanto sono imponenti. Stiamo parlando di  1200 programmatori che lavoreranno sui codici di APM, Mission Planner, MAVLink e DroidPlanner, tutto questo per fornire il mercato di UAV o droni il cui cuore pulsante sia mosso da un motore open source, nato da un insieme collaborativo allocato in ogni parte del globo terrestre.

alt_slide_dev_page

Il progetto Dronecode potrà godere anche del supporto di importanti aziende impegnate sia dal lato economico come sponsor, sia dal lato operativo come contributors. L’elenco iniziale, che immaginiamo si allargherà presto, comprende:
3DRobotics Yuneec Baidu, Intel, Box, Laser Navigation, Qualcomm,  SkyWard, DroneDeploy, jDrones, Squadrone System, Walkera.
Programmatori di tutto il mondo, se volete il vostro drone libero e Open Source, unitevi e codificate.

 

1078 visite


Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: