I droni entrano nella campagna elettorale tedesca

0

doic

Mancano un paio di mesi alle cruciali elezioni tedesche, e il partito socialdemocratico di Andrea Nahles (nella foto) tenta di risalire i sondaggi che lo vedono quindici punti sotto i cristiano democratici di Angela Merkel attaccandola anche sulla questione dei droni militari: “ci opporremo all’acquisto e all’uso di droni armati e metteremo fuorilegge i sistemi d’arma completamente automatici”, ha dichiarato un portavoce del partito.

Le dichiarazioni elettorali non sono solo una strizzata d’occhio al tradizionale pacifismo della sinistra tedesca, ma anche un tentativo di mettere in difficoltà il governo Merkel, e in particolare il ministro della difesa

Thomas De Maizière, braccio destro della cancelliera che si è trovato invischiato nello scandalo del fallimento del drone armato Euro Hawk (nella foto), versione tedesca del Global Hawk americano; dopo che diversi governi europei hanno buttato 600 milioni di euro nello sviluppo, è saltato fuori che al drone tedesco mancano tecnologie cruciali che gli americani possiedono ma non hanno nessuna intenzione di condividere con gli alleati europei. Come se non bastasse, l’Euro Hawk non aveva i certificati in regola per volare nei cieli europei, e il programma è stato cancellato con enormi sprechi di denaro e una figuraccia mondiale. Insomma, i militari tedeschi si sono gettati nell’avventura dell’eurodrone con le idee confuse sia sui costi sia sulla fattibilità del progetto.

Lo scandalo è andato vicino a costare le dimissioni a De Maizière, e ha scatenato l’opposizione popolare ai droni armati. Se la Germania dovesse davvero rinunciare ai droni, si troverebbe tecnologicamente isolata in un mondo dove gli aerei robot militari sono in pieno sviluppo: non solo in usa e Israele, ma anche Cina, India e – smacco per l’amor proprio teutonico- Italia, dove la Piaggio sta portando avanti con successo l’interessantissimo programma Hammerhead, un drone biturboelica derivato dal P180 civile.

1094 visite
Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: