Aramide e wall climbing: ecco il drone pompiere

0

Dopo la notizia del drone poliziotto nell’Illinois, potrebbe presto arrivare nelle caserme di tutto il mondo il quadricottero pompiere. È allo studio il FAROS (il Fireproof Aerial RObot System), un sistema che permetterà ai vigili del fuoco di utilizzare i Sapr durante gli incendi.

Se finora i droni non avevano avuto un ruolo attivo nel combattere le fiamme (plastica e sensori non vanno molto d’accordo con le alte temperature), l’innovazione sta nella possibilità da parte di questi velivoli di avvicinarsi ai roghi: il merito è del guscio in aramide, ma soprattutto di un paio di caratteristiche che li rendono utili in queste situazioni, come la possibilità di aderire alle pareti e ‘camminarci’ sopra senza rischiare il crash.

Una volta che è all’interno di un edificio, il drone usa un sistema di guida e scanner laser 2D inerziale per trovare la sua strada e, grazie a una termocamera, permette ai vigili del fuoco di mappare l’area, individuando eventuali persone. Queste informazioni, elaborare da un processore Intel, permettono ai pompieri di studiare la situazione e pianificare il miglior modo per entrare nell’edificio.

Come si può notare, non si tratta di tecnologie innovative, ma la loro combinazione ha aperto la strada a una nuova applicazione nel campo dei Sapr.

933 visite

Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: