Lo Spark Trecentino di AprFlyTech: prova in volo. Sconti per i soci DronEzine!

0

Tutti pazzi per i trecentini, i droni sotto i tre etti che permettono di lavorare anche in città senza patentino e persino di sorvolare le persone. Tante sono ormai le aziende che offrono kit di trasformazione per il DJI Spark, abbiamo provato la proposta della milanese AprFlyTech. Che ci fa una gradita sorpresa: un bello sconto per i soci di DronEzine, 999 euro invece di 1.048 per lo Spark completo trecentizzato.

Ermes Novo (il quinto da destra) durante uno dei corsi #IoVoloSicuro per hobbisti in collaborazione con DronEzine

AprFlyTech è un’azienda molto nota nell’hinterland milanese, e lunga è la collaborazione tra noi di Dronezine e Ermes Novo, il capo di AprFlyTech: a lui per esempio abbiamo affidato tutta l’area di Milano per i corsi #IoVoloSicuro, destinati agli hobbisti, ben conoscendo la professionalità e l’entusiasmo della casa di Paderno Dugnano. Una strada che li ha portati tra l’altro ad iniziare le pratiche per diventare nel prossimo futuro centro di addestramento SAPR e rilasciare gli attestati di pilota remoto.

Ma per i trecentini l’attestato non serve: con loro, e solo con loro, anche il lavoro aereo può essere effettuato senza bisogno di patentino, basta l’iscrizione nei registri ENAC come operatori, e con loro tutte le operazioni sono non critiche, in ogni scenario: questo significa che non occorrono permessi nemmeno per lavorare in città (a meno che l’area di volo non si trovi in uno spazio aereo regolamentato o in un’area interdetta al volo, beninteso) e si può volare anche sulle persone, purché non in assembramento. Insomma, veri superpoteri, anche se bisogna sempre ricordarsi che si tratta di SAPR, quindi di aeromobili, non di aeromodelli e quindi il loro uso richiede un bagaglio di conoscenze impegnativo che può essere appreso in una mezza giornata con un minicorso in una scuola riconosciuta da  ENAC, non obbligatorio ma decisamente consigliabile.

Come per tutti gli Spark trecentizzati, anche AprFlyTech ha dovuto lavorare di lima, per portare il peso dai 350 grammi circa del drone cinese a meno di 300 (295, per la precisione) lavorando su paraeliche (obbligatori per l’uso come SAPR inoffensivo, art. 12 comma 5 del reg. Enac), cappottine e copriluce. La cappottina, stampata 3D, ci è parsa subito la parte meglio riuscita del kit: particolarmente robusta e precisa, calza a pennello sulle cave delle viti che trattengono in posizione la cappottina orignale, e dunque può essere fissata al posto di quella di serie senza bisogno di nastro adesivo o velcro come abbiamo visto su altri modelli. Come sempre, anche nel caso delle cappottine di AprFlyTech si può scegliere tra diversi colori.

Un po’ troppo minimali per i nostri gusti i paraeliche, della cui efficacia ci viene da dubitare: è vero che il regolamento impone solo che ci siano, non che siano anche particolarmente efficaci, quindi il loro lavoro lo fanno. Peccato per il fissaggio, che non è particolarmente elegante essendo affidato a dei leggerissimi o-ring. Invece ci è piaciuto molto il materiale di cui sono fatti, carbono 3k (cioè tremila fili) molto flessibile e resistente. Anche esteticamente sono ben riusciti, minimali e puliti non appesantiscono la silhouette del drone in volo. Buona anche la riuscita dei paraluce  dei led di navigazione, altro elemento che spesso si sostituisce nella corsa al grammo imposta dal regolamento: a differenza di altri che ci è capitato di vedere, non penalizzano la resa ottica dei led e fanno in modo discreto e (ehm) trasparente il loro lavoro.

I manuali obbligatori per ENAC

Ci sono piaciuti molto anche i manuali, che non c’entrano assolutamente nulla con gli opuscoli con le istruzioni che accompagnano tutti i droni commerciali, ma sono documenti aeronautici obbligatori la cui redazione richiede professinalità e competenze aeronautiche, cosa che non mancano in AprFlyTech che in passato è stata collaboratrice dell’Aeroclub di Varese, la più grande scuola di volo non solo per SAPR ma anche di aeroplani della zona, e presto diventerà Centro di Addestramento per piloti di SAPR. Oltre ai manuali obbligatori, la Casa di Paderno Dugnano ha messo nel pacchetto anche il logbook dove segnare i voli (il cui consuntivo, una volta all’anno, dovrà essere inviato a ENAC e tenuto sempre aggiornato e a disposizione per eventuali controlli, oltre a dove accompagnare sempre il SAPR nelle sue operazioni specializzate) e le istruzioni dettagliate per la registrazione a ENAC della macchina (dicharazione di rispondenza) e la registrazione dell’operatore, tutto passo passo, impossibile sbagliare.

Il prezzo della macchina, che per la cronaca si chiama AprFt300, è allineato alla concorrenza: 249 euro per il kit, 1.048 euro per Spark + kit: per i soci di Dronezine, kit + Spark costa solo 999 euro. Si può ordinare online sul sito di AprFlyTech.

La macchina potrà essere vista dal vivo alla Fiera Sicurezza (RHO Fiera Milano dal 15 al 17), e ricordiamo che i lettori di DronEzine ci entrano gratis: scopri come.

GALLERY

 

954 visite

Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: