I lettori di DronEzine danno i voti ai droni: Promossi e bocciati del 2016

0

I lettori di DronEzine danno i voti ai droni più interessanti dell’anno che si sta chiudendo. Podio tutto DJI, sonora bocciatura per i droni da selfie. Grazie a tutti coloro che hanno giocato con noi, ecco i risultati

Alla fine i lettori hanno deciso. Il sondaggio di fine anno incorona DJI come regina dei droni prosumer, se mai ce ne fosse stato bisogno. Plebiscito per il nuovo Inspire 2, solo terzo il Mavic. Promossi Parrot e Yuneec.



ORO: DJI INSPIRE 2 VOTO 4,32 SU 5

i2i2pL’ultimo nato in casa DJI ha immediatamente conquistato il cuore dei lettori di DronEzine. Merito dei contenuti tecnici, certamente, tra cui la miglior camera mai vista su un drone cinese e un convincente sistema di evitamento degli ostacoli. Ma anche delle linee, più sinuose e sexy del predecessore Inspire 1, che rendono il drone professionale entry level DJI la reginetta del capodanno 2016.
→Approfondisci 


ARGENTO: DJI PHANTOM 4 PRO VOTO 4,06 SU 5

p4prop4ppBattaglia combattuta fino all’ultimo voto, sul filo dei centesimi: secondo posto per un’altra novità DJI, il Phantom 4 Pro. Il Phantom è sempre nel cuore dei lettori DronEzine, e il p4Pro è il più intelligente di sempre, con un sistema migliorato per evitare gli ostacoli, una telecamera ancora migliore nel solco della tradizione. Una combinazione vincente per quella che i lettori di DronEzine considerano la macchina migliore per fare fotografia amatoriale ad alto livello. Anche se poi nella realtà in tantissimi lo usano anche per lavoro.
→Approfondisci


BRONZO: DJI MAVIC PRO VOTO 3,81 su 5

mpmedium_4058afad-4331-40ab-9a4e-30b49c72447bSolo terzo posto per il drone più atteso dell’anno, l’ultraportatile e pieghevole Mavic Pro. Che forse, dopo aver stravinto la gara con il “vorrei ma non posso”, lo sconclusionato tentativo di GoPro, gara vinta per abbandono dell’avversario, poteva aspirare a una posizione migliore in classifica. Ma forse è stata proprio l’attesa a fregarlo: si è fatto aspettare troppo, finendo con il deludere e seccare i fan, che l’hanno punito pur riconoscendo che sì, è davvero un gioiellino.
→Approfondisci


L’OUTSIDER: YUNEEC TYPHOON H VOTO 3,21 su 5

yhyhpAlle spalle del podio tutto DJI, un altro cinesino. L’interessantissimo esacottero Yuneec batte di un soffio, praticamente sul filo di lana, il primo classificato europeo, il BeBop Parrot. Un testa a testa che si è risolto praticamente all’ultimo voto, premiando il coraggio di Yuneec che ha presentato un design davvero innovativo, accoppiato con un robusto sistema di evitamento degli ostacoli e quello che è di gran lunga il miglior radiocomando di questa fascia di droni.
→Approfondisci


PRATICO E BASTA: PARROT BEBOP 2 VOTO 3,20 SU 5

bb2bb2pSolo un decimo di punto fa sfumare al francesino la piazza d’onore ex equo con l’esacottero Yuneec. Ma il responso dei lettori è giusto: il BeBop 2 è una macchina che punta tutto sulla praticità, ma ormai comincia a sentire gli anni. Si sente la mancanza di un evitamento degli ostacoli e di una camera a 4K, ormai il full HD non ci basta più. Nemmeno quando, come nel caso del Parrot, è accoppiata a uno straordinario sistema di stabilizzazione delle immagini che fa a meno del gimbal. Parrot è rimasta indietro ache nelle logiche di volo, non ci piace molto il fatto che per avere funzioni ormai standard, come navigazione waypoint e follow me, bisogna pagare dei download in-app, manco fosse un videogame. Ai lettori è piaciuta molto la leggendaria praticità del BeBop e il nuovo skycontroller, molto più comodo, leggero e pratico del precedente, e si apprezza eccome il visore FPV offerto con la macchina.
→Approfondisci


POCO CAPITO: PARROT DISCO VOTO 3,15 SU 5

pdpdpSe il BeBop 2 nella classifica dei lettori DronEzine paga il fatto di essere poco innovativo, il Disco viene punito per esserlo troppo. Unico esempio di drone prosumer ad ala fissa, è una macchina che apre prospettive del tutto nuove, ma non è facile capire quali siano. Una comunicazione poco efficace di Parrot che spieghi ai clienti quali sono le cose che si possono fare meglio con un tuttala che non con un più flessibile e pratico quadricottero, fanno sì che il pubblico non l’abbia capito granché, viene visto come un marziano e non scalda il cuore dei lettori, che lo promuovono a pieni voti ma non scocca il colpo di fulmine.
→Approfondisci


APPENA SUFFICIENTE: YUNEEC BREEZE VOTO 2,55 SU 5

ybybpI droni da selfie lasciano freddi i lettori di DronEzine. Sufficienza risicatissima, quasi un “6 politico” per il Breeze, il drone da borsetta di Yuneec. Più di metà dei votanti non è andato oltre a una o due stelline, una stroncatura netta, a salvare la media e la classifica del micro cinese è intervenuto il fatto che oltre un quarto dei votanti ha dato 3 punti, appunto una sufficienza che non salva dalla mediocrità il Breeze. Che tra l’altro, insieme al collega e decisamente stroncato Dobby, è stata la macchina meno votata in assoluto. Insomma, interesse scarso e voti bassi per una macchina che a nostro avviso avrebbe meritato un po’ più di considerazione.
→Approfondisci


BOCCIATO: ZEROTECH DOBBY VOTO 2,18 SU 5

zdzdpStroncatura netta, senza appello, per il drone da selfie di Zerotech. Non raggiunge nemmeno la sufficienza, ed è l’unico tra quelli in gara a fermarsi sotto la soglia minima. Anche i pochi lettori interessati ai droni da selflie gli hanno preferito, sia pure di misura, il Breeze. Eppure è una machina di tutto rispetto, basato su un processore SnapDragon, ha i bracci ripieghevoli che vanno tanto di moda e una camera fullHD. ma tutto ciò non è bastato a far breccia nel cuore dei lettori. Almeno, non nel nostro gioco di capodanno. Che per l’appunto, è solo un gioco.
→Approfondisci

2615 visite

Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: