2018 un anno di droni raccontato con 18 articoli

0

Anche il 2019 è arrivato come da programma allo scoccare delle lancette alle ore 00:00 precise.
Un anno intero quello scorso che ha segnato importanti novità nel settore droni, sia per l’avanzare costante della tecnologia, sia per le maglie burocratiche che un poco alla volta si allargano e permettono ai professionisti di svolgere le loro attività lavorative con i SAPR (Sistemi Aeromobili a Pilotaggio Remoto)
Il 2018 è stato un anno tutto sommato positivo, se vogliamo entrare nel dettaglio, anche i consumi che oramai mostravano i primi segni di saturazione si sono mantenuto costantemente in crescita.
Questo comporta ovviamente un avvicendarsi di nuovi modelli che portano in obsolescenze precoci i mezzi volanti a pilotaggio remoto che magari sono usciti solo da 6 mesi.

Sul fronte normativo, per assurdo, forse una frenata la sta dando l’adeguamento del Regolamento Europeo che è entrato definitivamente in vigore nel passato settembre. Tuttavia le autorithy nazionali hanno sino a 3 anni per allinearsi alle direttive comunitarie.
La nostrana ENAC ha già  lanciato alcune Linee Guida con la chiara intenzione di essere quanto prima  possibile al pari con EASA.

Un anno raccontato con gli articoli più visitati sul sito di Dronezine, la prima rivista italiana sui droni e certamente uno dei portali più autorevoli su questa materia.

Un anno di storia dei droni raccontata con 18 articoli

 

Gennaio 2018

Alla fine cosa è meglio, Mavic Air o Mavic Pro?


Alla fine cosa è meglio, Mavic Air o Mavic Pro?
Primo mese dell’anno con una sensata domanda, perlomeno domanda valida un anno addietro, visto che 365 giorni passati in un settore ad alto sviluppo tecnologico come quello dei droni stanno a significare tanto. Infatti pur essendo ottimo mezzi a pilotaggio remoto i due droni messi a confronto lo scorso gennaio, non diciamo che siano obsoleti, ma certamente devono fare i conti con le nuove entrate avvenute nei mesi precedenti. Vedi l’arrivo del Parrot Anafi che concorre seppur in minima parte contro il DJI Mavic Air e il DJI Mavic 2 Pro che surclassa la precedente versione.
In ogni caso la recensione comparativa tra Mavic Air e Mavic Pro, comprensiva dei video di approfondimento del DJI Mavic Air ha totalizzato di 24850 visualizzazioni.

Febbraio 2018

Recensione Mavic Air e prova di volo


Mavic AIR, ecco le FAQ principali spiegate da DJI.
Record di incassi, se fossimo al botteghino, con oltre 32700 visualizzazioni per la prima recensione italiana sul drone DJI Mavic Air con svariati articoli di approfondimento. Il successore del drone DJI Spark, con il quale ad essere sinceri a ben poco da spartire se non il tipo di connessione WiFi, il nuovo Mavic Air, esteticamente molto gradevole e con prestazioni performanti contenute in un piccolo borsello da viaggio, ha certamente fatto sognare migliaia di appassionati di foto e video riprese. Dotato di sensori anteriori e posteriori con sistema di evitamento ostacoli, il Mavic Air non si ferma e basta, ma prova un percorso alternativo per evitare l’ostacolo davanti o dietro alla sua traiettoria, il Mavic Air regala ottime riprese stabilizzate con un gimbal su 3 assi. Tuttora leader nella sua categoria a un anno di distanza gode ancora di un ottimo posizionamento di vendita anche presso i rivenditori autorizzati.

Droni e sanzioni, presentato il nuovo prontuario per le Forze di Polizia


Droni e sanzioni, presentato il nuovo prontuario per le Forze di Polizia
Parlando di quasi un anno fa, il nuovo Prontuario delle sanzioni che avrebbe dovuto accompagnare le Forze di Polizia, sembrava oramai cosa fatta.
Purtroppo qualcosa si deve essere inceppato nel meccanismo burocratico perché a 11 mesi di distanza ci troviamo ancora di fronte a una vecchia versione del prontuario che prevede pene e sanzioni adeguate a un comparto aeronautico e non proporzionali alle infrazioni commesse.
Immaginate che per un semplice dimenticanza del contratto assicurativo da parte di un pilota di droni, possano essere elevate contravvenzioni sino a 30000 euro. Una gioia per gli avvocati della difesa nel caso di un procedimento giuridico in tal senso.
Comunque oltre 10500 visite per l’articolo che comprende anche l’intervento di alcuni funzionari di Polizia interessati a pubblicizzare il nuovo e per ora mai visto, Prontuario delle Infrazioni per i SAPR.

Marzo 2018

1200 piloti di droni lavorano senza patentino. E sono perfettamente in regola


1200 piloti di droni lavorano senza patentino. E sono perfettamente in regola.
A Febbraio, altri 140 piloti si sono uniti all’esercito degli operatori di SAPR inoffensivi. Sono i cosiddetti “trecentini”, Sapr sotto i tre etti che permettono di lavorare con il drone anche in città e sulle persone senza patentino.” Inizia così il suo articolo Luca Masali, il direttore editoriale della rivista Dronezine. E spiega nel dettaglio come il drone DJI Spark, abbia favorito e alimentato in modo particolare il fenomeno tutto italiano dei SAPR inferiori ai 0,3Kg. Uno spiraglio normativo che ha permesso a migliaia di operatori di droni, di lavorare in città e sorvolare anche le persone non assembrate. I trecentini, nome orgogliosamente coniato da noi di Dronezine, sono piccoli droni professionali tramite i quali seguendo un apposito adempimenti burocratico e dopo aver studiate le regole dell’aria, possono volare laddove con droni di maggior dimensioni siano richiesti criteri più stringenti.
Se e quanto durerà questa categoria di droni professionali con l’adeguamento al nuovo regolamento europeo proposto da EASA non lo sappiamo. Diciamo che sino ad ora è stato bello, se continueranno ad esistere i trecentini, magari trasformandosi in una altra categoria o rispondendo ad altri requisiti, staremo a vederlo nel 2019. Articolo visto 15900 volte.

Aprile 2018

Patentino per i droni? A Napoli prezzi stracciati


Patentino per i droni? A napoli prezzi stracciati.
Sicuramente l’articolo più visto sul nostro sito durante il passato anno 2018
Con oltre 25400 visite si classifica primo per interesse mostrato dai lettori.
Un risultato costituito certamente da un buon posizionamento SEO – indicizzazione sui motori di ricerca e in particolar modo su Google – ma segno quanto mai evidente che nel settore droni si comincia a sentire l’esigenza di mettersi in regola e possibilmente a prezzi bassi.
Se con la recente iniziativa di ENAC di voler ridurre il monte ore necessario per “prendere il patentino per i droni” ovvero conseguire l’attestato di pilotaggio remoto, seguirà anche una riduzione dei prezzi non sappiamo dirlo.
I Centri di Addestramento hanno comunque dei costi per mantenere viva la struttura e sulla formazione sarebbe meglio non fare sconti.
Tuttavia è evidente e chiaro che se saranno richieste meno ore di insegnamento qualcosina si potrebbe calare.

Recensione drone TELLO il giocattolo che vola benissimo


Recensione drone TELLO il giocattolo che vola benissimo.
Il primo contatto con il drone TELLO è stato un innamoramento totale e senza condizioni. Il piccolo drone prodotto da Ryze Tech e presentato al CES 2018 finalmente giunto nelle nostre mani ci ha provocato grandi emozioni e ha suscitato tanto interesse anche del pubblico. Questa prima recensione è stato visualizzato 10300. Considerando che stiamo parlando di un drone quasi giocattolo dal peso di 80grammi è davvero un record. Sono ovviamente seguiti altri articoli tecnici con tips and trick relativi al piccoletto tuttora in classifica tra i droni più venduti e regalati per Natale.

Maggio 2018

Quanto guadagna un pilota di droni? Primi risultati del sondaggio di AssoRpas, Fiapr e DronEzine


Quanto guadagna un pilota di droni?
Una iniziativa molto interessante e certamente unica sino da oggi, quella promossa dallo staff di Dronezine per tastare con mano il polso al mercato. Un sondaggio gratuito ed anonimo ha permesso alla redazione di Dronezine, la prima rivista italiana sui droni e alle associazioni di categoria Assorpas e FIAPR, con la collaborazione del primo broker assicurativo ad aver creduto nel settore ha reso una idea molto chiara di chi siano gli attori e quante pagnotte possano portare a casa usando o vendendo droni e servizi.
Uno spaccato italiano nel quale emergono particolari davvero unici, ma che segna anche una linea di demarcazione netta tra quelli che pensano che tale settore sia una specie di corsa all’oro e il mercato del sommerso. Dei lavorati in nero che più o meno abusivamente riescono a racimolare qualche decina di migliaia di euro vendendo o svendendo riprese e servizi.
Non sta a noi giudicare e non era nemmeno quello lo scopo. Ma i risultati delle analisi sono sotto agli occhi di tutti e quando ci chiedono, specialmente le nuove startup se convenga entrare in questo settore, magari investendo pesantemente su di esso, consigliamo sempre una attenta lettura di quel nostro articolo che è stato visualizzato 24500 volte.

Giugno 2018

Entra in vigore il nuovo GDPR europeo sulla privacy che coinvolge tutti le aziende operanti sul web.
La pagina di Dronezine relativa al trattamento dei dati viene visitata oltre 24000 volte. Segno evidente che i lettori ci tengono ad essere informati come i propri dati saranno trattati dal nostro portale. Importante considerare non solo la privacy dei cittadini in questo caso lettori delle nostre news, ma anche come il GDPR impatterà nel settore delle foto e videoriprese con i droni.
Non bisogna dimenticare che con il drone si possono ottenere punti di vista inusuali e pertanto ledere la privacy dei cittadini è ancora più semplice e alla portata di tutti. Consigliamo come sempre di verificare il sito del Garante sulla Privacy alla sezione droni. https://www.garanteprivacy.it/droni

Torino: così 200 droni illumineranno la notte di San Giovanni


Torino: così 200 droni illumineranno la notte di San Giovanni.
Visto oltre 19000 volte, l’articolo in oggetto non parla solo dell’evento di Torino dove tantissimi droni hanno preso il posto dei fuochi d’artificio, ma riporta anche una intervista al prematuramente scomparso ing. Giuseppe Carrabba di ENAC, certamente un entusiasta dell’operato dei droni italiano.

Anafi: Parrot fa sul serio, 4k di altissima qualità e una gimbal digitale e meccanica in appena 320 grammi


Anafi: Parrot fa sul serio, 4k di altissima qualità e una gimbal digitale e meccanica in appena 320 grammi.
Primo contatto e presentazione ufficiale del neo nato di casa Parrot, Anafi. Dopo tale articolo seguono accurate recensioni da parte della nostra redazione. Articolo letto oltre 18000 volte.

Luglio 2018

Pazzesco: drone filma il decollo dell’Airbus A380 da vicino! [VIDEO]


Pazzesco: drone filma il decollo dell’Airbus A380 da vicino!
Spesso sui social network veniamo accusati di fare da cassa di risonanza a comportamenti criminosi svolti da dronisti irresponsabili.
Purtroppo anche non parlando di ciò che i più spregiudicati, e criminali piloti di droni possono eseguire non è che i fatti vengano cancellati.
Anche non parlando di rapine e omicidi, certamente essi verrebbero perpetrati ugualmente. Allo stesso modo in questo articolo dove parliamo di un presunto avvicinamento oltre il consentito e il logico da parte di un drone che voleva riprendere un Airbus 320 durante il decollo ha totalizzato 11800 visualizzazioni e il relativo video sul nostro canale Youtube è schizzato alle stelle.
Fortunatamente i più tecnici sostengono che il video sia un fake. Ovvero una montatura per ottenere una effimera visibilità sui social network e tutto sommato ce lo auguriamo. Stessa cosa per i recenti e spiacevoli fatti dell’aeroporto inglese di Gatwick. speriamo che non sia vero che qualche malintenzionato abbia messo a repentaglio non solo le vacanza rimandate di centinaia di migliaia di passeggeri, ma anche la loro vita umana, nel caso i voli non fossero stati interrotti.

Il primo drone Parrot ANAFI trecentino registrato a ENAC. Meglio lui o lo Spark?


Il primo drone Parrot ANAFI trecentino registrato a ENAC. Meglio lui o lo Spark?
Anche per la trecentizzazione, ovvero l’operazione di alleggerimento del Parrot Anafi al fine di renderlo compatibile con la normativa relativa ai SAPR dal peso inferiore o uguale ai 0,3Kg sono state spese 11800 visualizzazioni. Segno evidente che il mercato e il settore dei droni leggeri usati per professione è ancora molto caldo e sentito.

Agosto 2018

Nuovi droni DJI Mavic 2: Hasselblad e zoom ottico prendono il volo. Fine carriera per il Phantom?


Nuovi droni DJI Mavic 2: Hasselblad e zoom ottico prendono il volo. Fine carriera per il Phantom?
Prime avvisaglie dell’arrivo, questa volta vero e non rimandato del drone DJI Mavic 2, nelle versioni Zoom e Pro. Con oltre 24000 visualizzazioni in questo primo articolo di una lunga serie anch’essa sempre molto visitata a richiesta, vengono svolte le prime considerazioni sul probabile impatto nel mercato di un nuovo drone pieghevole DJI che potrebbe stroncare la brillante carriera di un sempre verde drone DJI Phantom.
Le nuove camere Hasselblad o la possibilità di registrare fantastici effetti cinematorgrafici come il Vertigo con la versione DJI Mavic Zoom, faranno parlare per i mesi successivi, anzi sino ad oggi ad essere sinceri.

Settembre 2018

Ho volato con il drone dove era proibito. Possono usare come prova i miei filmati su Facebook? E ora cosa rischio?


Ho volato con il drone dove era proibito. Possono usare come prova i miei filmati su Facebook? E ora cosa rischio?
La risposta del servizio legale messo a disposizione da Dronezine per i suoi soci abbonati, relativa a una domanda inquietante?
“Buongiorno avvocato, Vorrei sapere se pubblicando online una foto o un video fatti in una zona proibita…” Inizia così il quesito che in sostanza chiede se sia necessaria una flagranza di reato per essere colti con le mani nella marmellata compiendo un illecito, quale una riprese aerea illegale o non consentita. Al di la di quello che potrebbe apparire da una prima lettura, non è vero che gli italiani cercano sempre di fare i furbi. Il regolamento sul volo dei droni esiste sin dal 2015, ma la normativa spesso è interpretabile. In ogni caso chi fa volare un drone, anche i più irresponsabili, si preoccupano della entità della pena, anche se poi magari non vi è certezza come dimostrano le decine di migliaia di video presenti sui vari social network.

Mavic 2 Pro: recensione e test in volo dell’ultimo drone DJI


Mavic 2 Pro: recensione e test in volo dell’ultimo drone DJI.
La recensione completa e approfondita con tanto di prova di volo del drone DJI Mavic 2 Pro è stata letta 14300 volte. Un risultato scontato e riprova di quanto interesse e quanti consensi abbia ottenuto il neo nato di casa DJI tra il pubblico di appassionati e professionisti.
Consideriamo che le 13000 visite sono state ottenute solo negli ultimi 3 mesi dell’anno.

Ottobre 2018

Drone Hubsan Zino disponibile in Italia da fine novembre a 499 euro

Drone Hubsan Zino disponibile in Italia da fine novembre a 499 euro
Ecco che sul mercato cominciano a vedersi droni che stimolati dalla forte concorrenza di DJI devono rimboccarsi le maniche, diventare pieghevoli secondo l’ulitma moda del momento aumentare le prestazioni e diminuire i prezzi per rimanere a galla.
E’ il caso del drone Zino prodotto da Hubsan che si preannuncia davvero appetitoso e stuzzicante. Articolo visto 3600 volte.

Novembre 2018

Droni, il regolamento europeo è legge. Ora ENAC deve adattare le sue regole a quelle comuni


Droni, il regolamento europeo è legge. Ora ENAC deve adattare le sue regole a quelle comuni
Finalmente le bozze presentate dalla autorithy internazionale EASA che si occupa per l’appunto di regolamenta il traffico aereo civile in Europa è stato tramutato in legge dal parlamento europeo. Se saranno rose profumate o piene di spine staremo a vedere. Come per  tutte le novità si sono sollevati dubbi e perplessità sia dalla parte dei libertari, sia dai difensori del mercato lavorativo. Non ci resta che aspettare e veder gli adeguamenti italiani nel rispetto delle direttive europee. Articolo molto interessante, considerando l’importante tema che ha collezionato 7500 visite.

Tre fake che vorrebbero spaventarti quando voli con il drone senza patentino. Cosa che puoi fare eccome.

Tre fake che vorrebbero spaventarti quando voli con il drone senza patentino. Cosa che puoi fare eccome.
Una polemica da noi voluta e cercata di proposito che vuole scuotere il mondo della formazione che spesso inculca strane leggende metropolitane in un settore già male informato a causa della moltitudine di persone interessate e dalle tendenziose teorie di chi dovrebbe formare i futuri piloti di droni.  Esistono le possibilità di volare legalmente, negli spazi adatti e coni dovuti criteri anche senza possedere il famigerato “patentino” per i droni, al secolo Attestato di Pilotaggio Remoto. In questo articolo, visto 4500 volte, cerchiamo di sfatare alcune informazioni talmente tendenziose da diventare pericolose fake news.

Dicembre 2018

DJI Osmo pocket recensione approfondita e prova video registrati


DJI Osmo pocket recensione approfondita e prova video registrati
Ultimo proposta di fine anno per il colosso asiatico DJI Innovation, un piccolo stabilizzatore meccanico su 3 assi. Il DJI Osmo Pocket che si affianca alla serie di stabilizzatori per Reflex, alla serie Osmo e al Osmo Mobile 2 che supporta gli smartphone.
Il DJI Osmo Pocket non è ovviamente un drone, ma integra tutta la tecnologia acquisita in questi anni da DJI. Una camera molto, ma molto simile e forse anche migliore di quella montata sui recenti droni DJI Mavic, supportata di piccolissimi motori che stabilizzano in maniera eccellenti le video riprese effettuate a mano.
Gli articoli delle recensione, del primo contatto e degli apprendimenti raggiungono complessivamente quota 5000 visite. Consideriamo sempre un solo e unico mese e la attinenza quasi borderline con i droni. Oseremmo dire che il piccolo e tascabile gimbal sta bene in qualsiasi tasca del cappotto di ogni dronista.

Ecco quindi gli argomenti topici, quelli maggiormente sviscerati dai lettori di Dronezine, cosa ci riserverà il 2019 non lo sappiamo, ma certamente non mancheremo di tenervi informati, con approfondimenti, le notizie dell’ultima ora, le recensioni e e gli aggiornamenti normativi.

1488 visite
Commenta:

Segui DronEzine sui social: